SISC

Società Italiana per lo Studio delle Cefalee

SISC

Società Italiana per lo Studio delle Cefalee

  • Home
  • SISC community
  • Notizie
  • Resoconto IX Giornata Nazionale del Mal di Testa

Resoconto IX Giornata Nazionale del Mal di Testa

RESOCONTO

IX Giornata Nazionale del Mal di Testa
“Mal di testa: che fare?”

20 maggio 2017

 



Con il patrocinio di:

MINISTERO DELLA SALUTE

FNOMCeO - Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

 


La IX Giornata è stata lanciata con un articolo su La Stampa mediante una intervista al Presidente SISC - CEFALEA, COSÌ RILEVANTE CHE È LA TERZA CAUSA DI DISABILITÀ AL MONDO


 

Sezione Calabria

Catanzaro

Si è svolta il giorno 20 maggio 2017 al mattino presso la Sala Convegni dell’Ospedale “Pugliese –Ciaccio” di Catanzaro un incontro con i pazienti cefalalgici afferenti al Centro Cefalee a rif. Regionale del nostro Ospedale con l’obiettivo di divulgare e sensibilizzare le nuove direttive regionali riguardanti l’assistenza al paziente cefalalgico calabrese e le nuove terapie innovative (botulino e anti corpi monoclonali). L’incontro è stato moderato dal Dott. Emilio De Caro già Consigliere Nazionale della SISC e Delegato Regionale dell’AL.Ce Calabria. Hanno relazionato il Dott. Iannacchero Rosario ed il Dott. Trimboli Michele. Vi è stata una folta partecipazione di pazienti circa 35, a cui sono stati distribuiti materiale divulgativo con l’egida della SISC.

Successivamente il Dott. Iannacchero Delegato Regionale SISC ha accompagnato alcuni pazienti nelle stanze del Centro Cefalee ed ha illustrato l’offerta sanitaria assistenziale del Centro Cefalee Regionale PAC Diagnostici e terapeutici, Ambulatorio dedicato alla tossina botulinica.

 

Sezione Lazio-Molise

Roma

In data 20 Maggio u.s., in occasione della IX Giornata del Mal di Testa la Sezione Lazio-Molise ha organizzato un evento rivolto ai medici in formazione specialistica delle aree che più possono interessate alla tematica "cefalee".
Le relazioni sono state condotte con presentazioni in ppt preparate dai membri del Direttivo regionale e proiettate.
 
Hanno partecipato all'evento 3 membri del Direttivo della sezione Lazio-Molise e 25 specializzandi (di Anestesia e Terapia del dolore, Medicina Interna, Neurologia, Pediatria) appartenenti alle sedi universitarie di "Sapienza", "Cattolica" e "Tor Vergata".
 
A tutti i partecipanti è stato consegnato un plico contenente materiale informativo fornito dalla SISC: "Manifesto dei diritti della persona con cefalea", "Lifting the Burden - Cos'è la Cefalea Cronica Quotidiana?", "Lifting the Burden - Cos'e' la Cefalea di Tipo Tensivo?", "Lifting the Burden - Cos'e' la Cefalea a Grappolo?".
 
A tutti i partecipanti è stato inoltre fornito un modulo con le informazioni necessarie per l'iscrizione alla SISC ed è stato presentato il prossimo Congresso SISC previsto per Dicembre a Roma in congiunzione con il Congresso della European Headache Federation.
Gli iscritti all'evento hanno mostrato interesse ed entusiasmo e hanno partecipato attivamente all'open discussion che è seguita dopo le presentazioni in programma.

 

Roma

In occasione della IX Giornata Nazionale del Mal di Testa, indetta dalla Società Italiana per lo Studio delle Cefalee, è stato organizzato un Open Day per le Cefalee, presso il Centro per lo Studio e la Cura delle Cefalee in età evolutiva operante presso la sede San Paolo dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma.
 
Nel corso della mattina e del primo pomeriggio, si sono recati presso gli ambulatori del Centro per lo Studio e la Cura delle Cefalee in età evolutiva, numerose famiglie con bambini e ragazzi adolescenti alla ricerca di chiarimenti sulla causa delle cefalee riferite dai propri figli e di indicazioni sulla corretta gestione di queste.
 
Le visite prevedevano un primo colloquio con uno dei neurologici del nostro centro cefalee al fine di raccogliere i dati clinici ed anamnestici necessari all’inquadramento delle cefalee cui seguiva esame obiettivo neurologico del paziente con esame del fondo dell’occhio ed un colloquio conclusivo educazionale, dove ai genitori e ai pazienti venivano fornite spiegazioni inerenti le cefalee primarie, il corredo sintomatologico tipico ed i meccanismi patogenetici presenti, e sottolineata l’importanza di intervenire con terapie analgesiche nei tempi e nei dosaggi corretti per gestire un attacco acuto. Veniva inoltre consegnato il diario delle cefalee al fine di intraprendere un monitoraggio clinico funzionale allo studio delle frequenze degli episodi riferiti  nell’eventualità di intraprendere una terapia di profilassi.
 
Seguiva un secondo colloquio con la neuropsichiatra infantile e la psicologa del centro cefalee, volto ad individuare quei fattori emotivo-temperamentali che potessero fungere da fattori scatenanti per gli episodi di cefalea, influenzandone la frequenza e la ricorrenza.  Non sempre facile far comprendere a genitori, bambini e ragazzi adolescenti il ruolo di questi fattori nel decorso di una condizione medica organica, sottolineando l’importanza di affiancare a terapie farmacologiche per l’attacco acuto e per la profilassi, percorsi di supporto psicologico per i bambini ed i ragazzi ed un eventuale percorso di sostegno alla genitorialità.
 
Ricorrenti sia i falsi miti difficili da sradicare, come una possibile correlazione con intolleranze alimentari, sinusopatie e deficit di vista così come la gestione non funzionale, e talvolta perfino nociva, del sintomo dolore, con un ampia gamma di possibilità che andava dall’assunzione quotidiana di terapia analgesica, in particolare negli adolescenti, alla convinzione che un farmaco analgesico possa essere nocivo nel bambino.
 
Si è reso, inoltre, necessario programmare in urgenza un ricovero per bambino accorso al nostro Open Day per le Cefalee, nel sospetto diagnostico di una cefalea secondaria, rivelatasi tale in seguito alle indagini neuroradiologiche effettuate.
 
All’Open Day hanno partecipato il Dott. Massimiliano Valeriani, Responsabile Degenza Neurologica, la Dott.ssa Laura Papetti, la Caposala, Ilaria Pannacci del Reparto Neurologia. Presenti per la stessa U.O. anche la Psicologa Dott.ssa Samuela Tarantino e la Dott.ssa Barbara Battan, Neuropsichiatra Infantile. Il team ha operato in simbiosi al fine di fornire alle famiglie accorse, tutte le nozioni e le informazioni necessarie alla gestione corretta della cefalea in età pediatrica ed adolescenziale, cercando di far chiarezza sulle false credenze che tuttora ingombrano l’area medica delle cefalee. 
 
 

Sezione Lombardia

Bergamo

Il 20 Maggio u.s. dalle ore 10 alle ore 13.00 è stato allestito un punto di incontro ed informazione in pieno centro di Bergamo. Vi è stata una grandissima affluenza di persone che hanno ascoltato e raccolto materiale informativo. Al di là dello slogan nazionale abbiamo inserito anche “passeggiando per la città .. incontro con l’esperto”
 
L’iniziativa ha altresì avuto una grande risonanza a livello di vari mass media locali:
- partecipazione alla rete locale più seguita – BGTV al programma ..Medicina 33
- articolo sull’ECO di Bergamo il 14-5
- intervista a Radio Alta “a colazione da Teo” il 18-5.
 
Un grazie particolare per il prezioso aiuto dato nel realizzare l’evento all’Ufficio Stampa e all’Organizzazione Eventi–Formazione di Humanitas Gavazzeni.

 

Brescia

Si sono fermate molte persone a cui è stato dato materiale divulgativo SISC, diario della cefalea, molto interesse per le terapie alternative cioé le tecniche di neurostimolazione tipo la tDCS che era esposta in visione e la teletermografia davanti alla quale si fermavano intere famiglie per vedersi ad infrarossi!

 

Pavia

L’iniziativa della Società Italiana Studio Cefalee è stata anche quest’anno ben accolta dall’Istituto Neurologico Nazionale a Carattere Scientifico Fondazione Mondino di Pavia. Per la IX Giornata del Mal di Testa la mattina del 20 maggio 2017 i medici del Centro Cefalee si sono resi disponibili ad accogliere pazienti ed interessati presso la hall dell’Istituto con un Info Point dedicato al mondo cefalea. Presso lo stand è stato messo a disposizione materiale informativo riguardante le opzioni diagnostiche e terapeutiche disponibile presso il Centro Cefalee di Pavia. Visto il contatto diretto ed informale con i pazienti è stato possibile portare la loro attenzione sul diffuso problema dell’elevato consumo di farmaci sintomatici, spiegando come tale condizione possa favorire la cronicizzazione della cefalea di cui sono affetti. Tali iniziative a diretto contatto con il pubblico sono particolarmente utili in quanto una complicanza diffusa e disabilitante quale la Cefalea da uso eccessivo di farmaci sintomatici potrebbe potenzialmente essere prevenuta con una campagna mirata di educazione sanitaria.
 
Inoltre sono state presentate ai pazienti le nuove frontiere terapeutiche disponibili presso il nostro Centro quali la tossina botulina, la neuro-modulazione e la terapia biologica con anticorpi monoclonali.
 
Pavia è stato solo uno dei 18 Centri che in tutta Italia hanno aderito alla IX Giornata del Mal di Testa organizzata da SISC. Presso lo stand proposto presso l’Istituto Neurologico Fondazione Mondino è stata registrata una buona affluenza, anche grazie ad una semplice attività di propaganda effettuata a livello locale e favorita da alcune associazioni no profit quale Al.Ce. (Alleanza Cefalalgici) e CIRNA Fondazione Onlus. L’occasione è stata colta anche per svolgere una semplice ma utile indagine sul mal di testa grazie al contributo di alcuni pazienti che hanno accettato di compilare un questionario anonimo sulla cefalea fornito da SISC.
 
In conclusione l’iniziativa proposta è un importante momento di aggregazione tra il personale medico e la popolazione sul tema diffuso, e spesso caratterizzato da falsi miti, quale quello della cefalea.
 
Il Centro Cefalea di Pavia ha salutato i partecipanti con un arrivederci, dando appuntamento al prossimo anno con la Giornata del Mal di Testa.

 

Varese

In data 20 Maggio 2017 si è svolta a Varese la IX edizione della Giornata Nazionale del Mal di Testa promossa dalla Società Italiana per lo studio delle Cefalee - SISC, intitolata “Mal di testa che fare?”.

Dalle ore 9 alle ore 12.30 presso la Hall dell’Ospedale di Circolo di Varese è stato allestito un punto informativo presidiato dalla Dott.ssa Beatrice Bartoli (U. O Neuropsichiatria Infantile) e dalla Dott.ssa Valentina Rebecchi e Dott.ssa Lucia Princiotta Cariddi ( U. O Neurologia e Stroke Unit), le quali hanno distribuito opuscoli e materiale informativo sulla cefalea in età pediatrica e adulta, con i riferimenti di Centri e Associazioni presenti a livello nazionale, regionale e territoriale 

Numerose sono state le persone che si sono interessate (oltre 50): alcune hanno richiesto materiale informativo da poter consultare autonomamente o da fornire a conoscenti/familiari, altre (in particolare persone affette da cefalea o con familiarità positiva), per ricevere informazioni sui Centri di riferimento presenti sul territorio regionale per la diagnosi e la cura delle cefalee, sulle modalità di prenotazione delle visite e altri ancora per chiedere informazioni generali sulla patologia.

Abbiamo rilevato che l’informazione ha ragionevolmente suscitato maggior interesse in coloro che soffrono della patologia, in particolare giovani e adulti.

L’iniziativa è stata promossa e divulgata dai media locali. 

Ringraziamo l’Ufficio Relazioni con il Pubblico e Comunicazione dell’Ospedale di Circolo di Varese per la disponibilità offerta.
 
 

Sezione Regionale Puglia-Basilicata

Bari

Il 20 maggio 2017, i medici del Centro Cefalee della Clinica Neurologica, AOU Consorziale Policlinico di Bari (dott.sse Maria Pia Prudenzano, Maria Elena Roca, Simona Lamberti) e del Centro Cefalee della Clinica Neurologica dell’Ospedale “Miulli” di Acquaviva delle Fonti (dott.ssa Annamaria Miccoli) hanno organizzato un infopoint presso la Libreria Feltrinelli, via Melo 119 Bari. L’evento ha suscitato notevole interesse tra i frequentatori della libreria, molti dei quali si sono avvicinati al desk ed hanno richiesto informazioni sulla patologia e sulle modalità di accesso ai Centri specializzati. Numerosi pazienti sono inoltre intervenuti appositamente dopo aver letto sui social network la notizia relativa al programma. I medici presenti hanno distribuito materiale informativo, risposto alle domande degli interessati e raccolto questionari epidemiologici. Si ringraziano il Direttore della Libreria Feltrinelli di Bari e tutto il personale per avere allestito la postazione e offerto la massima collaborazione a questa iniziativa che ha riscosso grande successo.

 

 Cavallino (LE)

Si sono presentate, nonostante la giornata prefestiva, 20 persone che sono state accolte da tutto il team ed alle quali è stato distribuito tutto il materiale informativo fornito dalla Società. Dei presenti, 15 hanno compilato il questionario fornito dalla Società.
 
 

Lecce

Mal di testa, cosa fare? Lo sport come antidolorifico

In Italia la cefalea/emicrania ricorrente, secondo un'indagine condotta dall'ISTAT, è tra le patologie croniche con maggiore incidenza, quarta solo dopo l'artrosi, l'ipertensione arteriosa e le malattie allergiche, con valori più elevati per le donne (9,1%) rispetto agli uomini. Nel nostro paese circa sei milioni di persone soffrono di cefalea primaria, ed ogni giorno in Europa due milioni di persone presentano un attacco emicranico. In Italia i costi globali per la cefalea (diretti o indiretti) sono stimabili in 3,5 miliardi di euro l’anno, e la perdita di produttività di questi pazienti è di gran lunga superiore alla spesa sanitaria specifica per la patologia. La cefalea è quindi, un problema molto diffuso e invalidante, al quale si deve cercare di porre rimedio non solo con l'eventuale terapia farmacologica, ma prioritariamente adottando uno stile di vita salutare.

La correlazione tra mal di testa e stile di vita sedentario è stata identificata per la prima volta alcuni anni fa da scienziati svedesi. Gli autori di questo studio hanno dimostrato che i soggetti meno attivi, risultavano essere più predisposti a subire attacchi di mal di testa, rispetto alle persone che svolgevano una regolare attività sportiva. Dallo studio è emerso, inoltre, che una regolare attività fisica riduce significativamente l’intensità e la frequenza degli attacchi e limita il ricorso a farmaci antidolorifici. Gli autori concludono che l’esercizio fisico costituisce un fattore protettivo contro lo sviluppo dei diversi tipi di cefalea.

L’attività aerobica derivante dall'esercizio fisico, determina un maggiore apporto di ossigeno, migliorando respirazione e circolazione sanguigna, e riduce la vasodilatazione a livello del circolo cerebrale che è una delle principali cause dell'insorgere dell'attacco di cefalea. Inoltre, un'attività sportiva regolare, stimola il rilassamento e aiuta ad allentare la tensione dei muscoli pericranici. È preferibile comunque, lavorare a corpo libero, evitando gli sforzi massimali degli esercizi con pesi, e l'attività sportiva di tipo agonistico, in cui l’impegno il più delle volte è particolarmente intenso. Al contrario, nonostante la validità di questi dati scientifici, chi soffre abitualmente di cefalea primaria, tende ad evitare qualsiasi tipo di sforzo fisico, nel timore di aggravare i sintomi compromettendo anche la resistenza aerobica e il rilassamento muscolare soprattutto della parte alta del tronco, che è quella maggiormente coinvolta nella cefalea di tipo tensivo.

La Società Italiana Studio Cefalea, (SISC) da alcuni anni, ha dedicato l'iniziativa della Giornata Nazionale della cefalea all'informazione e alla divulgazione di tematiche inerenti la cura e le conoscenze dei meccanismi neurobiologici alla base delle cefalee. Quest'anno la sessione Regionale Puglia-Basilicata, in particolare la Prof. de Tommaso, il Dott. Sciruicchio, e le Dottoresse Trevisi e Carmillo,  in collaborazione con MUV-Lecce, ha organizzato la “Camminata del Benessere”, condividendo l'opinione che un'attività fisica regolare, possa contribuire a prevenire molti disturbi somatici tra i quali la cefalea. Nella cornice di una stupenda giornata di sole, l'iniziativa è stata particolarmente apprezzata dai numerosi partecipanti, che hanno colto l'occasione per confrontarsi con gli specialisti del settore, interessati soprattutto a conoscere le interazioni tra movimento e dolore, come opportunità, a costo zero e senza effetti collaterali, per la cura di patologie invalidanti quali la cefalea.

 

Sezione Regionale Sicilia 

Palermo - Catania - Sant’Agata di Militello - Sciacca

In occasione della IX Giornata Nazionale del Mal di Testa, la SISC Sicilia ha promosso diverse iniziative grazie alla collaborazione di diversi iscritti. Queste iniziative si possono sintetizzare in: 2 Open Day con apertura degli ambulatori per consulenze gratuite, il primo è stato svolto dal Dott. Angelo Vecchio presso Centro Salus a Palermo; il secondo è stato svolto dal Dott. Franco Di Maria presso l’Ambulatorio Neurologico di S. Agata Militello.
 
A Catania in Piazza Verga su iniziativa dei Dott.ri Biagio Panascia e Sara Rapisarda è stato organizzato un punto informativo con la presenza di un Camper, distribuzione di materiale informativo, consulenze gratuite ecc. L’iniziativa ha avuto un buon riscontro di pubblico.
 
A Sciacca su iniziativa del Dott. Antonino Sandullo si è svolta una iniziativa che al mattino si è attuata organizzando un punto informativo presso un noto centro commerciale di Sciacca dove il Dott. Sandullo, coadiuvato da alcune signore volontarie da lui istruite, ha condotto opera d’informazione rivolta alla clientela del centro commerciale.
Nel pomeriggio presso l’aula Blasco del Municipio di Sciacca si è tenuto un convegno d’informazione sul mal di testa rivolto sempre ai pazienti e famigliari, dove in aula riempita in ogni ordine di posto sono stati presentati filmati sulla sofferenza dei pazienti cefalalgici, recitati brani della Cefalea di Pessoa, il Prof. Brighina ha simulato con una paziente una visita clinica, il Dott. Sandullo si è soffermato in particolare sui i diritti del malato cefalalgico, sui ritardi nella diagnosi e la legge n. 38 sul Dolore, il Dott. Cirafisi, Neurologo, ha illustrato brevemente i rapporti tra emicrania e comorbidità psichiatrica e il Dott. Raieli, illustrando i disegni dei bambini con cefalea, ha focalizzato l’attenzione su alcuni falsi miti della cefalea del bambino. Il convegno si è concluso con un vivace dibattito con il pubblico (si allegano foto sulla giornata e resoconto su stampa locale).
 
In conclusione possiamo affermare, nonostante le notevoli difficoltà sia organizzative che economiche, sono state messe in cantiere, anche quest’anno, diverse articolate iniziative.
 

Sciacca

Anche quest’anno la ridente città di Sciacca in provincia di Agrigento ha ospitato la IX giornata nazionale del mal di testa. L’evento è stato organizzato dal Dott. Antonino Sandullo, membro del direttivo della Sezione-regionale della SISC. Hanno collaborato alla riuscita dell’evento il Comune di Sciacca, l’ordine dei medici della provincia di Agrigento, le sezioni locali di TDM-cittadinanza attiva e AVULS, la Cooperativa Arcobaleno, il Lyons club e tutte le farmacie locali. La tv locale RMK ha pubblicizzato l’evento con una intervista al dott. Sandullo sul mal di testa, le sue cause e i possibili rimedi. E’ stato utilizzato il materiale predisposto dalla SISC-Nazionale per l’informazione alla città. La giornata è stata organizzata nel modo seguente: durante tutta la mattinata, dalle ore 9,30 alle ore 14,00 dei volontari del TDM-Cittadinanza attiva e dell’AVULS, opportunamente formati dal Dott. Sandullo, hanno distribuito, presso l’ipermercato “il Corallo” di Sciacca, i depliants predisposti, dando informazioni sulle principali forme di mal di testa, sui fattori scatenanti, sui rimedi possibili e sui centri a cui rivolgersi, facendo anche compilare il questionario predisposto e invitando a partecipare all’evento delle ore 17,30 sull’emicrania e i dolori cefalalgici. I cittadini che sono stati coinvolti attivamente anche mentre degustavano un caffè o un gelato o facevano la spesa, hanno mostrato interesse alle notizie fornite e dichiarato di avere gradito questo tipo di informazione. Anche il Dott. Sandullo assieme ai volontari ha partecipato a questo momento informativo. La seconda parte conclusiva della giornata si è svolta nella splendida cornice del Palazzo dei Gesuiti ora Comune di Sciacca, nella meravigliosa Aula Blasco. E’ iniziata alle ore 17,30 ed è terminata alla ore 20,00, alla presenza di un numeroso ed interessato pubblico. Dopo i saluti di rito delle Autorità locali e dei rappresentanti degli enti che hanno collaborato alla riuscita dell’evento, ha aperto i lavori il dott. Nino Sandullo, che ha iniziato dicendo che “come in tutte le battaglie per vincerle bisogna conoscere il nemico”. Utilizzando un linguaggio semplice e di immediata comprensione ha fatto conoscere il “Nemico” cioè il “Mal di testa” utilizzando delle immagini con cui ha introdotto le principali cefalee primarie, i criteri diagnostici distintivi, i fattori scatenanti e le possibili terapie. Ha parlato del ritardo diagnostico inaccettabile, che è stato calcolato essere di circa 11 anni dall’insorgenza dei sintomi, e della necessità di una maggiore informazione, non solo ai pazienti, ma anche ai medici di medicina generale, che molto spesso sottovalutano il problema cefalea, sia per scarsa formazione specifica universitaria, che per carenze organizzative.
 
Si è soffermato sul diritto del paziente cefalalgico di avere fatta una diagnosi e di potere accedere ad un percorso terapeutico adeguato per evitare la cosiddetta “Sindrome di Ulisse” che lo porta a peregrinare da un posto all’altro alla ricerca di una sperata soluzione del suo problema dolore, ad onta della legge N° 38 del 2010 che invece gli dovrebbe garantire il suo diritto a non soffrire. Ha ribadito che la sofferenza del cefalalgico incide sulla qualità di vita di più della sofferenza provocata da altre patologie come l’ipertensione arteriosa e il diabete e che pertanto è necessario considerare l’emicrania come “una vera e propria malattia” alla stessa stregua di queste, per le quali l’impegno di cura è maggiore. Ha auspicato una formazione specifica a vari livelli: dal 1° livello dei medici di famiglia ad un 2° livello delle strutture ambulatoriali e ospedalieri fino ad un 3° livello Ultraspecialistico-Universitario per le forme croniche e intrattabili. Terminando il suo intervento il dott Sandullo ha detto: il mal di testa è dolore….isolamento….incomunicabilità ….incapacità, molto spesso, di esprimere a parole la propria sofferenza. Allora l’arte ci può venire in aiuto rendendo visibile l’invisibile: consentendoci di rappresentare ciò che sentiamo e non riusciamo ad esprimere. Ecco come alcuni pazienti cefalalgici hanno rappresentato la loro sofferenza ed ha proiettato un filmato in cui vari artisti nel mondo, sofferenti di emicrania e cefalea a grappolo, hanno rappresentato il loro dolore. Dopo il filmato è stato rappresentato, con una lettura drammatizzata fatta dalla sig.na Elisabetta Puleo, il dolore di Ferdinando Pessoa “ho mal di testa e di universo” tratto da il libro dell’inquietudine di Bernardo Soares.
 
Successivamente l’amica di una paziente emicranica ha letto al pubblico la testimonianza scritta dalla signora Francesca che ha parlato della sua sofferenza cinquantennale di convivenza con l’emicrania.
 
Si è poi passato ad un caso clinico in diretta condotto dal Prof. Filippo Brighina, che ha interrogato la sig.na Sofia Balistreri, come in un setting di visita reale, per far comprendere ai partecipanti cosa si fa andando presso un centro di cefalee.
Il Dott. Cirafisi, neurologo, ha puntualizzato in modo pertinente, alcuni aspetti del rapporto tra comorbilità psichiatrica ed emicrania.
Il Dott. Sandullo, conduttore-regista dell’evento ha ripreso la parola introducendo il tema della cefalea del bambino, evidenziando la scarsa attenzione che si ha nel nostro territorio per questo argomento, sempre ad onta della legge n° 38, che invece prevede anche per il bambino, come per l’adulto, una rete capace di garantire il diritto a non soffrire. Ha introdotto tutto ciò con la proiezione animata di alcuni disegni, presi dalla letteratura, effettuati da bambini cefalalgici e commentati dal Dott. Vincenzo Raieli il quale si è poi soffermato sui principali tabù da abbattere per sconfiggere e trattare adeguatamente il dolore dei bambini cefalalgici.
 
Dopo l’intervento di altri pazienti cefalalgici e le risposte dei relatori alle numerose domande poste dai numerosi presenti si è conclusa la IX giornata Nazionale della cefalea a Sciacca.

 

Sezione Triveneto

Padova

La IX edizione della Giornata Nazionale del Mal di Testa” 2017, promossa dalla SISC, si è svolta anche quest’anno a Padova.
 
La manifestazione si è tenuta dalle ore 10 alle ore 19 presso un grande gazebo sul “Liston”, situato nel pieno centro storico di Padova tra il Bo, sede dell’Università, e il Municipio, allestito con i poster forniti dalla Segreteria Centrale SISC e con 5 espositori con le altre locandine relative all’evento, sia locale che nazionale. Erano presenti il Prof. Pier Antonio Battistella, Direttore del Centro Interdipartimentale di Ricerca sulle Cefalee ed Abuso di Farmaci dell’Università di Padova, il Prof. Ferdinando Maggioni, Direttore del Centro Regionale Veneto per la Diagnosi e Cura delle Cefalee, il Prof. Giorgio Zanchin, Presidente Onorario SISC, Specialisti dei diversi Centri ed Ambulatori SISC del Triveneto e Medici in formazione di Neurologia e di Neuropsichiatria Infantile che si sono turnati nell’arco della giornata per assicurare la presenza costante di almeno tre presenze al gazebo.
 
Ospite d’onore il Prof. Alan Rapoport di Los Angeles, Past President della International Headache Society, in visita a Padova e Venezia per uno scambio di informazioni sulle ricerche nell’ambito delle cefalee.
 
Il tempo molto incerto ha compromesso la tradizionale passeggiata dei padovani sul “Liston” fin dal mattino, limitando il flusso dei passanti nel centro storico. Ciò nonostante, la partecipazione dei cittadini all’iniziativa è stata soddisfacente; sono state fornite informazioni ai numerosi quesiti posti dalle persone interessate, in particolare sulla diagnostica, i diversi approcci terapeutici e l’impatto sulla qualità di vita del disturbo cefalalgico.
 
Sono state distribuite diverse borsette con il logo SISC, contenenti il pieghevole, l’elenco delle Strutture SISC della Sezione Triveneta, e altro materiale informativo, compreso il diario per la cefalea in adulti e soggetti in età evolutiva, validati ed utilizzati presso i 2 Centri Universitari di Padova, oltre a diversi pieghevoli a tutti coloro che ne hanno fatto richiesta.
Molte persone interessate all’iniziativa si sono sottoposte volentieri al questionario per l’indagine promossa dalla SISC; la compilazione ha richiesto pochi minuti per persona con l’assistenza di personale medico presente nel gazebo.
 
Nel complesso, nonostante le condizioni meteorologiche siano state molto sfavorevoli, l’interesse dimostrato dal pubblico è stato gratificante per gli organizzatori e ha confermato l’importanza di una corretta informazione su questo disturbo, spesso sottovalutato o trattato con l’ abuso di farmaci sintomatici.
 
L’iniziativa è stata ampiamente pubblicizzata alcune settimane prima, sia con l’invio nelle Sedi Ospedaliere e Ambulatoriali del Triveneto di locandine che riportavano la data e sede dell’evento, sia con l’inoltro per mail di tutto il materiale informativo agli Ordini dei Medici e alle mailing list di Medici di Medicina Generale e di Specialisti (Neurologi, Neuropsichiatri dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Pediatri, ecc).
 
L’evento è stato pubblicato anche nei siti web dell’Università e dell’Azienda Ospedaliera di Padova e segnalato dai relativi Uffici Stampa ai giornali locali.
La manifestazione ha ottenuto, oltre al Patrocinio della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, quello dei principali Enti Istituzionali regionali e cittadini: Regione Veneto, Provincia e Comune di Padova, Università degli Studi di Padova, Scuola di Medicina dell’Università di Padova, Ordine dei Medici di Padova, Azienda Ospedaliera, Ulss6 Euganea e Dipartimento di Salute della Donna e del Bambino di Padova.
 
Servizi offerti: spazio per l’allestimento del gazebo in via 8 Febbraio, davanti a Palazzo Moroni, concesso gratuitamente dal Comune di Padova.
 
Iniziativa realizzata con il contributo della Cassa di Risparmio del Veneto e con la collaborazione della rete OMS “Città Sane”- Comune di Padova e dell’Associazione Uniti per Crescere.

 

Sezione Umbria-Marche-Abruzzo

Ancona

Il Prof. Claudio A. Caputi e il Dott. Rossano Gemini hanno allestito un punto informativo presso il Poliambulotorio Medical Point di Ancona. La manifestazione è stata divulgata con la distribuzione di locandine nelle farmacie della città e attraverso la stampa locale. Nell'info-point, aperto dalle 10 alle 18, i visitatori hanno ricevuto i depliants predisposti e sono stati informati su quanto richiesto. Agli interessati è stato proposto il questionario anonimo SISC ed è stata fornita una scheda diario mensile per la cefalea.

« Torna all'Elenco News

Gallery

Contatti
SISC - Società Italiana
per lo Studio delle Cefalee
  • Indirizzo:
    Casella Postale 17, Succursale 3
    06123 Perugia, Italy
  • Telefono: 075 585 8181 (dal lunedì al giovedì: orario: 8:30 - 13:00)
  • Fax: 075 578 4229
  • Email: sisc@sisc.it
Cerca nel sito

Inserisci le parole di tuo interesse e seleziona il pulsante "Cerca"

Newsletter SISC

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti e novità sulle attività SISC

© 2014. SISC Società Italiana per lo Studio delle Cefalee. All rights reserved. Partita IVA 05057860487 - Codice Fiscale 01529430488